Vai al contenuto
Sono visualizzati i risultati per "Cilento Coast, SA"

I consigli migliori della gente del luogo

Dalle visite turistiche ai tesori nascosti, scopri cosa rende unica la città con l'aiuto delle persone del luogo che la conoscono meglio.

Parco
“ Il Parco nazionale del Cilento è l'area protetta più grande della Campania. Istituito nel 1991, il Parco del Cilento si estende su una superficie che va dalla costa tirrenica all'Appennino, coprendo quasi interamente il Vallo di Diano. All'interno della fascia protetta rientrano maestose cime come quelle degli Albuni, del Gelbison e del Cervati, oltre a località e siti di notevole interesse archeologico come Paestum, Velia, la Certosa di Padula, e naturalistico come le Grotte di Pertosa. Favolosa riulta essera la costa che vede come principali località balneari Agropoli, S.Maria di Castellabate, Acciaroli, Marina di Camerota e Palinuro.”
  • Consigliato da 27 persone del luogo
Bus Station
“Spiccano 3 templi greci ben conservati all'interno degli scavi archeologici di una antica città greco-romana in parte dissotterrata. Nel museo ci sono tante lastre dipinte di tombe lucane e la famosa Tomba del Tuffatore greca.”
  • Consigliato da 12 persone del luogo
Place of Worship
“Interassantissima visita a questa Certosa tra le più grandi di Europa, consiglio anche di unire la visita alla casa Museo di Joè petrosino e al paese di Teggiano nelle vicinanze”
  • Consigliato da 21 persone del luogo
Route
“luogo del cuore che merita una passeggiata in qualunque stagione ed a qualsiasi ora.”
  • Consigliato da 10 persone del luogo
Place of Worship
“Visita ai templi di Paestum gustando un ottimo Gelato al BAR Museo non ha confini, merita in pieno relax.”
  • Consigliato da 10 persone del luogo
Sito storico
“I tre templi greci di Paestum, costruiti tra VI e V sec. a.C., sono insieme a quelli di Atene ed Agrigento gli edifici templari meglio conservati dall’età classica. Sin dal ‘700 il sito ha attirato viaggiatori ed artisti come Piranesi e Goethe. Dal 1998, Paestum è patrimonio dell’UNESCO. La costruzione dei templi cominciò pochi decenni dopo la fondazione della città di Paestum, che in origine si chiamò Poseidonia, intorno al 600 a.C. Furono coloni provenienti dalla città di Sibari (in Calabria) ad insediarsi a Sud del fiume Sele, vicino agli Etruschi di Pontecagnano a Nord e ai popoli indigeni che abitavano le montagne a Est. ”
  • Consigliato da 13 persone del luogo
Parco
“, L’Oasi Fiume Alento, è un grande parco naturalistico che offre un’ampia gamma di servizi turistici. Nel complesso è presente una diga in terra che, sbarrando il corso del fiume, origina un lago artificiale di circa 1,7 kmq. Lungo la sponda destra del corso d’acqua si sviluppa l’Oasi naturalistica, costituita da laghetti di importante valore ecologico, che ha lo scopo di contribuire a salvaguardare la ricchezza di biodiversità mediante attività di conservazione. L’integrità dell’habitat naturale dell’Oasi rappresenta ormai da anni un’originale attrattiva per famiglie, scuole e sportivi.”
  • Consigliato da 13 persone del luogo
History Museum
“i templi greci conservati in maniera migliore, adiacente c'è anche il museo, una passeggiata eccezionale, fuori dal tempo!”
  • Consigliato da 23 persone del luogo
Stazione ferroviaria
“I caseifici con delle ottime mozzarelle circondano questo bellissimo sito archeologico. ad appena 1 km da casa ne troverai all'incirca 4 e sono tutti di ottima qualità”
  • Consigliato da 84 persone del luogo
Natural Feature
“Cale e insenature sono numerose, nel territorio di Marina di Camerota. Cala degli Infreschi è stata “la spiaggia più bella d’Italia nel 2014”, alla faccia delle gettonatissima Sardegna. E ancora oggi questa piccola insenatura è un gioiello, da apprezzare soprattutto nei periodi meno affollati, ovvero giugno e settembre.”
  • Consigliato da 13 persone del luogo
Establishment
“Parco Nazionale del Cilento,Alburni,Vallo di Diano-Gole del Calore di Felitto-Sa-Sorgenti del Sammaro Sacco-SA;Sorgenti del Fasanella S.Angelo a Fasanella-SA,Chiesa rupestre di S.Angelo a Fasanella-SA;Grotte di Castelcivita-SA; "Volo di Laurino-SA”
  • Consigliato da 10 persone del luogo
Sito storico
“Il percorso egli scavi comincia dalla città bassa, dove troviamo gran parte di edifici risalenti all’età ellenistica e romana. La stradina d’ingresso costeggia la cinta muraria. Davanti alle mura si può osservare una necropoli risalente al I –II sec. d.C. L’ingresso agli scavi può avvenire anche attraverso Porta Marina Sud, dove possiamo osservare una torre quadrangolare. Via di Porta Rosa ha l’unico esempio di arco greco del IV secolo, un vero patrimonio dell’architettura dell’epoca.”
  • Consigliato da 11 persone del luogo
Parco
“Uno scrigno unico di biodiversità tra le più varie d'Italia. Regno indiscusso per gli amanti dell'osservazione degli animali nel loro habitat naturale.”
  • Consigliato da 7 persone del luogo
Establishment
“L'antica città di Elea, che deriva il suo nome dalla sorgente locale Hyele, fu fondata intorno al 540 a.C. da un gruppo di esuli provenienti dalla città greca di Focea.....”
  • Consigliato da 9 persone del luogo
Museum
“Il castello risale all'epoca Bizantina, poi Angioina ed Aragonese. Vista mozzafiato sul golfo di Agropoli e di Salerno, compresa la costiera Amalfitana.”
  • Consigliato da 3 persone del luogo
Travel Agency
“Le Grotte di Castelcivita sono un complesso di cavità carsiche situate nel comune campano di Castelcivita, in provincia di Salerno. Sono particolarmente ricche di stalattiti e stalagmiti dalle mille forme. Si estendono per svariati chilometri nel massiccio degli Alburni, principalmente nei comuni di Castelcivita e Controne, ma solo 1 700 m sono accessibili ai visitatori. La leggenda narra che nel 71°.C. nelle vicinanze delle Grotte di Castelcivita si svolse una cruenta battaglia tra le truppe dell’Impero Romano e quelle di Spartaco, lo schiavo che si era ribellato All’Impero Romano. ”
  • Consigliato da 6 persone del luogo