Vai avanti per accedere ai risultati suggeriti

    Consigli dei Superhost per accogliere gli ospiti LGBTQ+

    L'aggiornamento di giugno del Consiglio degli host include alcuni consigli su come diventare host inclusivi.
    Da Airbnb, in data 21 giu 2021
    Lettura di 4 min.
    Ultimo aggiornamento: 21 giu 2021

    In breve

    • Peter Kwan, membro del Consiglio degli host, spiega in che modo sostiene la comunità LGBTQ+ e gli host senior.

    • Kwan illustra inoltre i vantaggi derivanti dall'adesione a un Host Club locale per ottenere supporto.

    Ogni mese condividiamo gli ultimi aggiornamenti del Consiglio degli host e vi aiutiamo a conoscere meglio i suoi membri.

    Ciao,

    sono Peter Kwan, Superhost di San Francisco e membro del Consiglio degli host. Da quando sono diventato host, 10 anni or sono, sostengo la community degli host e soprattutto quei gruppi che vengono spesso trascurati all'interno della società, come i senior e i membri della comunità LGBTQ+.

    In onore del Pride, all'inizio di questo mese ho partecipato all'evento "Made Possible by (Queer) Hosts" di Airbnb. C'è stata una discussione vivace con un gruppo di leader della community di host queer sul modo in cui, in qualità di host LGBTQ+, contribuiamo al successo di Airbnb nel rendere l'appartenenza una vera e propria realtà.

    Continua a leggere per scoprire come far sentire al sicuro gli ospiti LGBTQ+ nel tuo spazio e saperne di più sui benefici che ho ottenuto dopo essere entrato a far parte della community di host locale.

    Diventare host più inclusivi

    Incoraggio gli host a indicare direttamente nell'annuncio, nel modo che preferiscono, che il loro alloggio è uno spazio sicuro per gli ospiti LGBTQ+. A San Francisco, ad esempio, è normale per le coppie dello stesso sesso camminare per strada tenendosi per mano. Per molti ospiti che provengono da paesi in cui vigono norme o regole diverse, quindi, conoscere il contesto locale può essere rassicurante.

    Far sapere loro che soggiorneranno non solo in una città sicura, ma anche in un alloggio sicuro, può fare una grande differenza e aiutarli a sentirsi più tranquilli e a proprio agio. Prima ancora del check-in, devono avere la certezza di essere accolti a braccia aperte se accompagnati da un partner dello stesso sesso, in linea con la missione di Airbnb per la quale chiunque possa "sentirsi a casa, ovunque".

    Conosco degli host LGBTQ+ di San Francisco che hanno aggiunto al proprio annuncio una foto con la bandiera arcobaleno nell'angolino e che nella descrizione parlano della loro identità e del tipo di attivismo a cui prendono parte.

    Ci sono altre cose che possono aiutare questi ospiti a sentirsi a proprio agio all'arrivo: ad esempio, potresti offrire guide queer della città e libri sulla storia della comunità LGBTQ+. Si tratta di gesti piccoli ma di grande impatto che contribuiscono a farli sentire i benvenuti.

    Trovare il supporto necessario all'interno della propria community locale

    Dopo essere diventato host, ho capito che non c'erano molti posti dove trovare le risposte a tutte le mie domande.

    Nel 2012 ho fondato un gruppo di supporto per la community di host e da allora organizziamo incontri ogni mese.

    Poiché fare l'host a volte può essere un'attività estremamente solitaria, il mio consiglio per chi è agli inizi è iscriversi a un Host Club locale oppure crearne uno se nell'area ancora non esiste. Piuttosto che diventare un host eccezionale per tentativi ed errori, puoi imparare dalle esperienze degli altri e stringere solide amicizie.

    Aiutare altri host è davvero gratificante, e questo vale sia quando si insegnano le nozioni di base dell'attività, ad esempio come utilizzare la piattaforma, sia quando si invitano i membri del team di Airbnb ai meeting degli Host Club per parlare di nuovi prodotti e discutere di eventuali modifiche normative.

    Ecco perché sostengo anche gli host senior

    Quando si parla di pluralità all'interno della community di host, in genere gli host senior non rappresentano un gruppo ad alto profilo, ed è proprio per questo che meritano la nostra attenzione.

    Ho scoperto che su Airbnb i senior rappresentano uno dei gruppi di nuovi host in più rapida crescita negli Stati Uniti, e che le donne che ne fanno parte ricevono sistematicamente le migliori recensioni.*

    Come membro del Consiglio degli host, una cosa che desidero fare è aumentare la visibilità degli host senior e assicurarmi che Airbnb ci tenga in considerazione per lo sviluppo dei suoi nuovi prodotti.

    Di recente, una delle mie più grandi soddisfazioni è stata creare un sottogruppo per gli host senior, che ho ribattezzato "Golden Hosts" e a cui può unirsi chiunque abbia i requisiti per essere socio dell'American Association of Retired Persons (AARP), come il sottoscritto.

    Il gruppo sta crescendo e le persone che ne fanno parte sono fra i membri della community di host a cui sono attualmente più legato. Prima che iniziasse l'emergenza COVID-19, ci incontravamo ogni mese a casa di uno di loro: ciascuno portava qualcosa da mangiare e cenavamo tutti insieme. Era veramente bello.

    Nel club ci si scambiano consigli sull'attività di host. Come in qualsiasi altro gruppo, i senior possono apprendere rapidamente a utilizzare le recenti tecnologie e le tante innovazioni digitali che stanno cambiando le nostre vite, oppure aver bisogno di un training apposito e di un'adeguata assistenza.

    Cos'ha fatto di recente il Consiglio degli host?

    Scopri di più sul lavoro svolto di recente dal Consiglio degli host e non perderti gli aggiornamenti mensili e i suggerimenti dei suoi membri.

    *Secondo il nostro rapporto "La crescente community di donne sopra i 60 anni che svolgono l'attività di host su Airbnb".
    Le informazioni contenute in questo articolo potrebbero essere cambiate dal momento della pubblicazione.

    In breve

    • Peter Kwan, membro del Consiglio degli host, spiega in che modo sostiene la comunità LGBTQ+ e gli host senior.

    • Kwan illustra inoltre i vantaggi derivanti dall'adesione a un Host Club locale per ottenere supporto.
    Airbnb
    21 giu 2021
    È stato utile?