Vai avanti per accedere ai risultati suggeriti

    La storia di una coppia che è riuscita ad affittare la casa sull'albero dei propri sogni

    Affittando la loro residenza principale, questi host sono riusciti a finanziare il loro appassionante progetto.
    Da Airbnb, in data 13 gen 2021
    Lettura di 24 min.
    Ultimo aggiornamento: 28 apr 2021

    In breve

    • Questa coppia ha scelto di affittare la propria casa per finanziare la casa sull'albero che ha sempre desiderato.

    • I due host hanno creato uno spazio in cui scollegarsi dal mondo digitale.

    • In quanto Superhost, hanno deciso di aiutare a dare nuovo impulso alle comunità locali.

    Taryn e Colin, Superhost di Portland, in Oregon, sono amanti dell'avventura. Pochi giorni dopo essersi conosciuti, sono andati a fare arrampicate e a lanciarsi dalle cascate. Dopo essersi trasferiti nella casa d'infanzia di Taryn a Portland, hanno deciso di realizzare il sogno di una vita: costruire una casa sull'albero.

    Colin, che da bambino si era innamorato del bosco e da adulto aveva aiutato i genitori a costruire le proprie case sull'albero in Ohio, aveva in mente di realizzarne una a tutti gli effetti in cui gli alberi fungessero da fondamenta. L'idea entusiasmava anche Taryn, figlia di un architetto e un'interior designer, che da piccola adorava arrampicarsi sugli alberi. "La casa sull'albero rappresentava in parte l'amore per la natura e in parte la passione per il design", spiega.

    Non sarebbe stata una casa sull'albero qualsiasi. Per la loro famiglia e i futuri ospiti, sarebbe stata un luogo speciale dove ammirare il panorama, disintossicarsi dal mondo digitale e vivere in mezzo a prodotti d'artigianato locale.

    Taryn lavora nella moda e Colin nella gestione edilizia, quindi si capisce come avessero di già gli strumenti per realizzare una straordinaria casa sull'albero e un esclusivo marchio di ospitalità. C'era solo da capire come avrebbero potuto finanziarla.

    Foto per gentile concessione di Tiny House Expedition

    Piantare i semi

    La prima cosa che Taryn e Colin hanno fatto è stata affittare la loro casa di Portland su Airbnb. Passavano la maggior parte dei fine settimana in campeggio, quindi perché non affittare il loro spazio per finanziare la propria casa sull'albero?

    Questa scelta rappresentava inoltre un'ottima occasione per mettersi alla prova come host, e l'esperimento riuscì. Senza neanche accorgersene iniziarono a monitorare le loro statistiche di ospitalità e a leggere nuovi consigli e trucchi per gli host nel Centro Risorse. Quando arrivò il momento di iniziare a costruire la casa sull'albero, erano già Superhost.

    Trovarono un terreno boschivo di circa 5 ettari con vista sul Monte Adams a White Salmon, nello stato di Washington, e non se lo fecero scappare. Era arrivato il momento di trasformare il sogno in realtà.

    Affittare la propria casa era stato il primo passo per finanziare il loro progetto successivo, e così decisero di rifarlo. Questa volta acquistarono una minicasa in cui soggiornare durante la costruzione della casa sull'albero e accogliere gli ospiti quando erano via. Aveva solo l'essenziale, ma gli ospiti la adoravano.

    "Temevamo che fosse troppo spartana per un Airbnb, ma ci sbagliavamo", afferma Colin. "Con un anno di affitto abbiamo recuperato i soldi spesi per Cedar Shack."

    Puntare in alto

    Taryn e Colin dicono di fare affidamento sulla "massima visibilità" che i loro annunci ottengono su Airbnb. "Non avremmo potuto costruire la casa sull'albero senza Airbnb", afferma Taryn. "Avevamo fiducia nel nostro progetto perché sapevamo che avremmo riscontrato fin dall'inizio tassi di occupazione elevati."

    Dopo un anno di costruzione e preparazione del loro incredibile alloggio, nel marzo 2020 erano pronti a lanciare Klickitat Treehouse su Airbnb. Purtroppo, poco dopo aver pubblicato l'annuncio è arrivata la pandemia e gran parte del Paese è stata costretta a chiudere.

    "Calma piatta", afferma Colin. "Neanche l'ombra di una prenotazione nei primi 30 giorni, dopo che ci eravamo giocati il tutto per tutto su questo progetto."

    Infine, l'impazienza di viaggiare fuori dai sentieri battuti si è fatta sentire e le prenotazioni sono iniziate ad arrivare. "Col senno di poi, è stato davvero bello soggiornarci diverso tempo senza nessun altro", afferma Colin. "Siamo riusciti a immergerci completamente in ciò che offriamo."

    Staccare la spina per rigenerarsi

    Non c'è wifi alla Klickitat Treehouse. Taryn e Colin hanno creato uno spazio dove scollegarsi dal mondo digitale e riconnettersi con la natura.

    "Scollegarsi dal mondo aiuta le famiglie a ritrovarsi", afferma Taryn. Molte recensioni degli ospiti decantano proprio i benefici di allontanarsi dallo schermo. "La gente apprezza molto l'esperienza e sostiene addirittura di non ricordare da quanto tempo non trascorreva momenti del genere con i propri figli."

    Oltre al libro degli ospiti, gli host forniscono un diario in cui i viaggiatori, tra cui appassionati di birdwatching e bambini, possono lasciare delle note sull'esperienza nella natura: nelle pagine già riempite figurano diversi avvistamenti di orsi neri, cervi e tacchini selvatici, nonché svariati disegni e schizzi dei più piccoli.

    Il proposito è lodevole. "Qual è il modo migliore di piantare il seme della consapevolezza ambientale?", si domanda Taryn. "Per esempio fare in modo che le persone entrino in contatto con la natura incontaminata, in modo da capirla e, quindi, tutelarla."

    Qual è il modo migliore di piantare il seme della consapevolezza ambientale?
    Superhost Taryn

    Animo nobile

    Poiché Taryn e Colin sono grandi appassionati di architettura e design, volevano che la loro casa sull'albero fosse bella e ben curata. Per distinguersi davvero, doveva essere uno spazio pieno di cose uniche.

    La casa sull'albero sfoggia ceramiche, biancheria e arte di produzione locale, i cui marchi sono elencati nel negozio del relativo sito web. Sul tavolino c'è una pila di volumi dedicati ad alloggi simili, tra cui quello di un autentico guru come Pete Nelson in cui figura la casa sull'albero dei genitori di Colin.

    Taryn e Colin prevedono di diventare imprenditori alberghieri a tempo pieno. "Siamo sempre alla ricerca di una proprietà in cui realizzare da 5 a 10 case sull'albero ed espandere l'attività", afferma Colin.

    Tuttavia il guadagno non è la sola cosa a cui aspirano. Dopo aver vissuto tanto tempo in zone rurali, per loro le case sull'albero sono un modo per rendere omaggio alla flora autoctona e ai produttori locali, nonché dare nuovo impulso alle comunità.

    "Pensiamo sempre a come mettere radici e dare il nostro contributo", afferma Colin. "Offrire opportunità di formazione, tutela dell'ambiente ed esperienze all'aria aperta alle comunità meno privilegiate sono aspetti fondamentali della nostra visione.

    "Per noi è molto importante collaborare con altre piccole imprese della zona per promuoverci a vicenda, e il contributo di Airbnb è prezioso per rafforzare la comunità invece di dividerla."

    Ti piacerebbe offrire soggiorni in spazi unici?
    Scopri di più

    In breve

    • Questa coppia ha scelto di affittare la propria casa per finanziare la casa sull'albero che ha sempre desiderato.

    • I due host hanno creato uno spazio in cui scollegarsi dal mondo digitale.

    • In quanto Superhost, hanno deciso di aiutare a dare nuovo impulso alle comunità locali.

    Airbnb
    13 gen 2021
    È stato utile?